Commento dei lettori

Caro Andrea,

il libro è piaicuto anche a Cristina che l’ha portato a Parigi per farlo leggere ad alcuni amici italiani..è bello l’intreccio tra le vicende dei personaggi e la storia di pisa che si affaccia familiare e inconsueta insegnandoci anche ad apprezzare di più questa città. C’è una vera  crescita rispetto a Effetto Domino. Le idee e gli intrecci che escogiti meritano davvero maggior respiro, la storia si svolge in modo inaspettato e avvincente. Bravo!

Rosa Fiore

 
 
Complimenti Andrea. Il libro è molto scorrevole e fluido. Il lettore è talmente preso dalla trama che lo legge tutto d’un fiato. Veramente originale la conclusione. Invito tutti a scoprire al più presto come il commissario Silvestri riesca a risolvere l’intrigato caso della spiaggia del Gombo. BUON DIVERTIMENTO!!!!!!
 
Elio Tomaselli

 

Ho letto il libro – Effetto San Matteo – mi è piaciuto molto il tuo modo di descrivere  i personaggi e ancora di più  il tuo essere pisano e naturalmente toscano, mi garba davvero tanto.
Sei veramente bravo,saluti da una toscanaccia,

Rosanna Pazzagli

 
Ho letto in un sol fiato ‘Effetto San Matteo. L’asimmetria del vantaggio’ edizioni Del Bucchia, Lucca! I gialli, colti, di Andrea Falchi hanno il merito di essere fluidi e nella forma del ‘racconto breve’, cosi’ difficile da scrivere, sono cosi’ piacevoli per un lettore che li divora in tre/quattro ore. Finisce pero’ per rimanerci male e impaziente comincia ad aspettare di leggere il prossimo, sapendo che dovra’ attendere il tempo della scrittura. Ora pero’ lo posso dire, il commissario Carlo Silvestri mi piace proprio e poi… ha tanti capelli!!!
 
Anna Fuggi

One thought on “Commento dei lettori”

  1. Effetto S. Matteo è un’avvincente lettura, in un crescendo di sorprese culminanti nel colpo di scena finale.
    Il commissario Silvestri, rude e fortemente intuitivo, si ritrova a condurre l’indagine dell’assassinio della sua ex moglie, Paola pianista di successo, a 5 anni esatti dalla tragica scomparsa del loro figlioletto Francesco.
    Un’indagine delicatissima che si svolge sullo sfondo di un passato non proprio felice con risvolti emotivi inevitabili. L’intuizione, come sempre, sarà il fil rouge della sua indagine: intuizioni formidabili si dipaneranno dagli stralci di lettura di quei libri che disposti sulla ‘mensola dell’intuizione’ del commissario costituiscono la sua ‘top fifty’. L’intuizione madre partirà da quella che è la sua lettura preferita condivisa un tempo insieme al figlio Francesco, Il Piccolo Principe: ‘L’essenziale è invisibile agli occhi’.
    Questa lettura è un concentrato avvolgente e coinvolgente con un finale che commuove: Carlo seduto sugli scogli di Marina, chiudendo gli occhi ha quasi l’impressione di vedere il suo ‘Piccolo Principe’ che nuotando gli dice addio. (by angela e simone)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *